Vie di uscita

Il 18 aprile alle 18.20 ho appuntamento con la vaccinazione vicino a casa – in bici ci metto 10 minuti – grazie all’efficienza delle Poste italiane. Passerà una lieve ansia di sottofondo che mi accompagna da un anno, come un acufene facile da ignorare. Un’ansia egoista, forse i vaccini non elimineranno il covid e ci saranno ancora epidemie, dico a M.-C. che mi congratula come se avessi vinto al Lotto. “Ah no? Ma se hai scritto che senza i vaccini non se ne usciva!”

Continua a leggere “Vie di uscita”

Delitto di buonismo

Giusto per Pasqua, oltre ai dati sull’ingiustizia sociale “esplosa” durante la pandemia, i quotidiani riprendono l’indagine di Domani sulle intercettazioni telefoniche di giornalisti e volontari di Save the children, Medici senza frontiere e Jugend Rettet. Rientravano nella campagna organizzata dal ministro degli interni Minniti per criminalizzare le Ong che soccorrono i migranti nel Mediterraneo.

Continua a leggere “Delitto di buonismo”

Oh, prof. Rovelli…

Rossa come un peperone, l’oca si sta talmente montando la testa da dover girar per casa carponi. Oggi sul Corriere, Carlo Rovelli ha scritto

Il caso Coyaud e quei rischi (giudiziari) se critichi i ciarlatani

a proposito di un altro rinvio a giudizio – come succede a tanti debunker – per aver cercato di difendere i pazienti da medicine “alternative” avvolte in gergo scientifico a mo’ d’uovo di Pasqua in carta dorata.

L’oca sa già cosa obietteranno i fautori di omeopatia, cristalloterapia, naturopatia (omissis) e altre pratiche “complementari”, “integrative”, “olistiche”, più costose della medicina tout court e dall’efficacia mai dimostrata.

Cosa ne sa un fisico teorico di medicina? chiederanno. Si occupi delle sue cipolle come si dice in Sorbona! E giù lettere al direttore e insulti sui social. Invece son proprio cipolle del prof. Rovelli:

Per fare un esempio nel campo di mia competenza più specifica, la fisica quantistica, i miei colleghi ed io siamo tutti disgustati dalla crescente diffusione dell’uso ciarlatanesco di tante cure mediche «quantistiche». Ma molti preferiscono tacere. Non parlo in astratto. L’occasione di questo pezzo è il recente rinvio a giudizio di […] Sylvie Coyaud. Prima di scrivere questo articolo ho esitato, per timore di finire anch’io citato per diffamazione.

“[…]” altrimenti da paonazza l’oca diventa cianotica e sviene prima di ricordare dov’ha messo la boccetta dei sali. Se non le spiace, prof. Rovelli, gira i complimenti agli scienziati e alle scienziate che da quasi quarant’anni le correggono gli svarioni con santa pazienza.

E la ringrazia a nome di debunker, fact-checker, watchdog e altri intrepidi che saranno felici di averla a loro fianco, dalla parte delle persone più vulnerabili e disperate.

Aggiornamento

Grazie ad amic* e collegh* delle telefonate e mail di solidarietà, all’Huffington Post ai proff. Stefano Ruffo e Raffaella Rumiati della SISSA che partecipano “alla discussione” con un comunicato all’Ansa, presto, i sali… Ai twitteranti che hanno rilanciato l’articolo di Carlo Rovelli. Qualcuno vorrebbe sapere chi avrei diffamato, anch’io se capitasse a un* di loro, ma

a) la mia avvocata prega chi l’avesse indovinato di non farne il nome, per favore non fatela arrabbiare;

b) avreste l’embarras du choix. Ho in corso tre processi e oltre mezza dozzina di querele minacciate o già depositate.

c) il mio caso è stato un spunto. Ben prima del mio rinvio a giudizio, Carlo Rovelli aveva parlato delle medicine quantistiche in una paginetta di Helgoland (il suo libro più riuscito e “maturo” finora, trovo).

Whitewashing

Dalle iscrizioni, direi – al condizionale perché magari cambio idea – che i lettori della nuova oca hanno seguito le perizie della missione Oms all’Istituto di virologia di Wuhan per indagare sull’origine del Sars-Cov-2. Due di loro mi avevano chiesto perché non ne scrivevo dopo la conferenza stampa di un mese fa. Risposta: troppo tardi, troppi limiti, non mi aspetto niente di nuovo.

Continua a leggere “Whitewashing”

Celebrazione

2012-2014: l’articolo “scientifico” di Paolo Vercellini, Paola Viganò et al. sui concorsi di bellezza Miss Endometriosi che avevano organizzato per anni alla clinica Mangiagalli di Milano, senza il consenso delle candidate, suscita le proteste discrete di addette e addetti.

Continua a leggere “Celebrazione”

Raccolta differenziata

Prima le donne e i bambini. Minimo storico delle nascite dall’Unità d’Italia a oggi, l’Istat ha confermato le stime di novembre e prevede che nel 2021 ci sarà un altro calo demografico “da pandemia” sovrapposto a quello in corso da mezzo secolo.

Continua a leggere “Raccolta differenziata”

Soluzioni tecno per la crisi climatica

Sono tutte di questi giorni, ne faccio un post fiume. Se viene male anche qui, lo taglio in due. La più economica sarebbe la geoingegneria. Cinque anni e mezzo dopo un parere negativo dell’Accademia americana delle scienze, le Accademie americane di Scienza, Ingegneria e Medicina (Asem) hanno pubblicato Climate Intervention. Reflecting Sunlight. un “consensus report” sugli interventi teorizzati da un ventennio per frenare il riscaldamento globale intercettando parte della radiazione solare in arrivo

Continua a leggere “Soluzioni tecno per la crisi climatica”

Cibo, clima e società

Su Nature di questa settimana, ci sono paper che dovrebbero interessare le Ong e uno straordinario: ha ambizioni globali e insieme è un appello a microstorie come quelle di Carlo Ginzburg.

Continua a leggere “Cibo, clima e società”