Piedi d’argilla

Sulle riviste che leggo io, i necrologi di Edward O. Wilson – un “gigante” della biologia evoluzionista, dell’entomologia, dell’ambientalismo ecc. – trascurano o mettono sullo stesso piano due controversie.

Average cranial size based on data from the U.S. Perinatal Project and U.S.  military statistics, from "Race, Evolution, and Behavior: A Life Theory  Perspective" by J.P. Rushton, p. 23. : r/DataIsDazzling
Per J. Philippe Rushton, dimensione del cranio = Q.I.

La prima e più duratura è suscitata nel 1975 dal capitolo “eretico” di Sociobiology sulla selezione naturale dei nostri comportamenti – i.e. la natura prevale sulla cultura, determinismo genetico insomma. La seconda da un paper di Nature nel 2000 sull’eusocialità di certi insetti dovuta alla selezione di gruppo e non più a quella parentale.

L’eccezione era un editoriale di Monica McLemore su Scientific American:

Critica tre aspetti ricorrenti del razzismo detto “scientifico” prima di suggerire come rimediare:

  • una distribuzione normale della statistica che postula esseri umani di default in base ai quali misurare le nostre deviazioni e conseguente inferiorità o superiorità;
  • l’applicazione dello stesso metodo scientifico a specie di formiche e a gruppi umani. Per esempio la cattiva salute, la povertà e la minor aspettativa di vita dei Neri vengono associate alla loro nerezza e alla loro cultura, non a un razzismo strutturale;
  • esaminare natura vs. cultura senza tener conto delle opportunità e dei potenziali (finanziari, religiosi, risorse della comunità ecc.) che influenzano profondamente l’esistenza e le esperienze umane, significa usare una lente rozza e crudele.

Tutto giusto, ma gvdr segnala critiche più circostanziate di Stacy Farina e Matthew Gibbons in

per Science for the people.

Sapevo che Wilson aveva arruolato sostenitori poco raccomandabili perché rispondessero agli attacchi alla sociobiologia dei “marxisti” Stephen Jay Gould e Dick Lewontin – di Harvard anch’essi.

(My two cents. Gould era un socialista romantico, per lui la ricerca non doveva contribuire a giustificare discriminazioni. Lewontin era un materialista dialettico, un marxista che preferiva Engels a Marx.)

Ma quello è il meno.

Nelle carte che Wilson ha donato alla Library of Congress, gli autori hanno trovato lettere – citate più a lungo da Mark Borello e David Sepkoski nel saggio per la N.Y. Review of Books – in cui negli Ottanta e Novanta difende le tesi e la promozione a full professor di John P. Rushton, uno psicologo razzista dell’università del Western Ontario,

  • prestandogli credibilità mentre incontrava gruppi di neo-nazisti in giro per il Canada.

Wilson sollecita Bernard Davis, un amico e collega di Harvard caro ai suprematisti bianchi, perché faccia altrettanto. Davis era molto disponibile: a suo avviso bastava l’anatomia comparata a dimostrare che i Neri erano una razza inferiore…

Fa impressione vedere come Wilson difende i paper falsificati di Rushton, molto simili a quelli di Arthur Jensen di UC-Berkeley e Richard J. Herrnstein di Harvard, altri due “scienziati delle razze” con i quali intrattiene una corrispondenza.

“Gli piacevano le controversie,” scrive il mirmecologo Bert Hölldobler, suo amico e coautore. Era certo di essere dalla parte giusta:

  • Per Davis and Wilson, il “lato corretto” del dibattito [con Gould e Lewontin] era ovvio. In una lettera a Davis, Wilson commenta “i loro antirazzisti preferiti della sinistra.” Opina che arguire per l’equità tra gruppi di persone è ideologicamente simile al razzismo, aggiungendo la frase evocativa “io la metterei così, l’antirazzismo è l’ultimo rifugio delle canaglie”.

Dal “lato corretto” ancora nel 2014, quando promuove Una scomoda eredità di Nicholas Wade, un peana alla “scienza razzista” condito con strafalcioni propri.

I necrologi menzionano la sua infanzia nell’Alabama, uno stato di linciaggi l’ultimo dei quali nel 1989, dove Black lives don’t matter, e che ricordava di esser stato razzista da ragazzo. Per Corrie Moreau e Naomi Pierce, ha dato immensi contributi alla biologia evoluzionista e alla protezione della natura,

  • conservando sempre la gentilezza e la generosità di un vero ‘gentiluomo del Sud’

E i pregiudizi, no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: