Perché no

Sull’Atlantic è uscita un’intervista di Ed Yong a Rhea Boyd, una pediatra e “advocate” per la sanità pubblica nella Bay Area di San Francisco. Per una settimana, nella Georgia rurale, lei aveva parlato con cinquemila persone:

La maggior parte di loro non era vaccinata perché aveva ancora domande. OGNI domanda che hanno fatto era legittima e importante. […] I ‘non vaccinati’ non sono un monolite di disertori.

Coronavirus (COVID-19) Vaccinations - Statistics and Research - Our World  in Data

Il suo pubblico era selezionato o è stata molto fortunata?

Nel sondaggio fatto da Morning Consult in 15 paesi – Italia compresa – tra il 13 e il 19 luglio, in USA gli incerti sono l’11% e i sicuri di non voler vaccinarsi il 19%, una percentuale superata solo in Russia (28%).

Il primo motivo degli incerti è la preoccupazione per gli effetti collaterali, il secondo lo sviluppo “troppo veloce” dei vaccini. Seguono i dubbi sull’efficacia dei vaccini e la diffidenza verso BigPharma. Solo in Cina, il 21% è incerto perché pensa di rischiare poco di ammalarsi e il 17% ha “altri motivi”.

I “contrari ai vaccini in generale” vanno dal 3 al 6%. Solo in Francia arrivano al 7%. E solo in Brasile, Messico, Spagna e Cina, le donne sono meno incerte o contrarie degli uomini.

“Altri motivi”

Ieri a tarda sera Umberto Guidi, stagista a radiopop, ha intervistato due studenti universitari incontrati vicino all’Arco della Pace. Uno si è fatto vaccinare, ma ha perplessità sul green pass. L’altro non ha né perplessità né domande. E’ contrario al green pass e non si farà vaccinare perché ha una certezza: non esistono vaccini contro i virus.

Oh really?

In tema

Dati più aggiornati per l’Italia su Pagella politica, e conclusione di Lorenzo Ruffino:

  • Dai dati che abbiamo a disposizione non si vedono particolari segnali di esitazione vaccinale e non sembra che il green pass possa convincere completamente coloro che non hanno ancora aderito alla vaccinazione.

Su Panorama della sanità, Giovanni Monchiero denuncia i “cattivi maestri”;

A gentile richiesta

I quotidiani riprendono l’articolo del New York Times e/o il lancio ANSA proposito di oltre 100 o 150 bambini (“children”, i.e. 0-18 anni) morti di covid ogni settimana in Indonesia – dove prevale la variante Delta e il 16% soltanto della popolazione ha ricevuto almeno una dose del vaccino.

L’allarme di Save the Children risale a fine giugno, rif. anche The Guardian. I dati del New York Times mi sembrano ancora quelli. Reliefweb ha informazioni più aggiornate:

  • However, the death rate recorded by COVID-19 National Task Force shows that infants aged 0-2 years old are shown as the highest among the children group by 0.81 per cent), followed by those aged 16-18 years old (0,22 per cent) and 3-6 years old (0,19 per cent). Before this, the Indonesian Paediatrics Society mentioned that the children mortality rate caused by the COVID-19 pandemic in Indonesia has reached 3-5 per cent, which was claimed to be the highest in the world according to WHO.

Non molto migliori, ma i <18enni potrebbero essere meno di 1/8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: