Nella coda della gaussiana

Per anni i “Va tutto bene, madama la marchesa” hanno protestato contro il RCP 8.5, uno degli scenari socio-economici usati nei modelli climatici: troppo improbabile e “catastrofista”. Dall’inizio dell’anno però, nei due emisferi avvengono eventi estremi – siccità, ondate di calore, alluvioni, incendi – di una frequenza o intensità “senza precedenti”, eventi “normali” ogni milleContinua a leggere “Nella coda della gaussiana”

Se siete da queste parti

Comunicazione di servizio. Domani nel parco fresco e alberato dell’ex ospedale psichiatrico Paolo Pini, via Ippocrate 45 a Milano, metro linea gialla, stazione Affori nord, dalle 10.30 a notte fonda si tiene “All you need is pop“.

Errori dell’Oms

Sono statistici, please don’t panic. Ai primi di maggio, l’Oms ha pubblicato la propria stima delle morti durante il biennio 2020-2021 “in eccesso” rispetto a quelle attese ogni anno in base alla media del 2015-2019. Erano 14,9 milioni (CI 13,3-16,6 milioni) rispetto ai 6 milioni di morti di covid dichiarate dai paesi membri.

L’anello di re Salomone

Coincidenza (capitano solo a me?). Il 20 maggio su Nature Communications, Stefano Zapperi e colleghi della Statale e dell’università di Erlangen-Norimberga, scrivono che una loro Intelligenza Artificiale prevede non solo dove e come, ma perfino quando si fratturerà un vetro di silice solo dal reticolo disegnato dalle sue rughe!

Quasi un O’s digest

So che l’ondata di solidarietà con le vittime della guerra in Ucraina passerà, cerco di seguirla per non farmi sommergere dalle notizie tetre, e la cerco perfino negli articoli scientifici.