I numeri che l’anti-ambientalismo ideologico fa finta di non vedere

Economisti del Fondo monetario internazionale pubblicano una ricerca sui costi dei combustibili fossili, per indispettire l’Istituto Bruno Leoni e altri difensori del libero mercato per i poveri e del socialismo per BigOil & Coal.

Microsoft va al mercato

Nella Nuova guerra del clima, Michael Mann liquida le tecnologie per la cattura del carbonio in pochi paragrafi. Le soluzioni per tagliare le emissioni di CO2 ci sono già, “manca solo la volontà politica”. Sull’orizzonte ottico non c’è, ma il mercato sì.

Quanto costa opprimerci

La settimana scorsa, l’Economist accusava “la sinistra” di imporre la cancel culture, come se fosse al potere in tutto il mondo, stavo per disdire l’abbonamento. Oggi ha una copertina “9/11 – America then and now” nei paesi “occidentali”, e una “Why nations that fail women fail” in Asia, America Latina e Africa. Una scelta cheContinua a leggere “Quanto costa opprimerci”

Carbon budget & capture

Si avvicina la Cop 26 e “la scienza” cerca di farsi sentire. Tre giorni fa il British Medical Journal ha pubblicato un editoriale firmato e ripreso da oltre 220 riviste, quasi tutte bio-med. Chiede “un’azione urgente per limitare gli aumenti della temperatura globale, fermare la distruzione della biodiversità e tutelare la salute”.

Se gli inquinatori pagassero

(M’è passata un po’ l’ansia, grazie a Sudipta Kumar di Action Aid-Afghanistan. Anche se le notizie sono brutte, non averne era peggio.) Su Nature, esce un paper di Johannes Bednar, Oliver Geden, Myles Allen – dello IIASA e di Oxford – e altri economisti del clima che non conosco. Mostra bene quanto sia ingenuo credere,Continua a leggere “Se gli inquinatori pagassero”

Debito carbonio

I movimenti per la giustizia climatica e ambientale, i diritti umani e una distribuzione meno iniqua delle risorse, riuniti in “We are the tide” contestano il G20 di Venezia con manifestazioni. La loro piattaforma politica servirà anche per l’Ecosocial Forum internazionale che si terrà a Milano in ottobre prima della Cop25 sul clima a Glasgow.

La mano invisibile del mercato

Molti decenni fa, avevo scritto sull’origine del denaro per il Sole-24 Ore, un po’ scherzando perché era molto controversa. Lo è tuttora. Nicola Ialongo, un archeologo adesso dell’università di Gottinga, studia l’economia dell’età del Bronzo attorno al Mediterraneo, e fa spesso analogie con l’attualità.