Dove finisce il carbonio

Al World Economic Forum l’inviato per i cambiamenti climatici, Xie Zhenhua, ha annunciato che “la Cina pianterà e conserverà 70 miliardi di alberi entro il 2030” grazie a “un’espansione degli sforzi di riafforestazione”.

Continua a leggere “Dove finisce il carbonio”

I colori delle Alpi

O’s digest di Science. Fra i paper in open access, per me “Da bianche a verdi: perdita di copertura nevosa e produttività crescente della vegetazione nelle Alpi europee” è un po’ una sorpresa…

Continua a leggere “I colori delle Alpi”

Errori dell’Oms

Sono statistici, please don’t panic. Ai primi di maggio, l’Oms ha pubblicato la propria stima delle morti durante il biennio 2020-2021 “in eccesso” rispetto a quelle attese ogni anno in base alla media del 2015-2019. Erano 14,9 milioni (CI 13,3-16,6 milioni) rispetto ai 6 milioni di morti di covid dichiarate dai paesi membri.

Continua a leggere “Errori dell’Oms”

Recto e verso

In mezzo a ondate di calore “senza precedenti”, siccità e carestie, sembra una bella iniziativa

Insieme a “conoscenza” e “consapevolezza scientifica”, la gradevole brezza dell’era glaciale imminente o già iniziata sarà portata da noti resistenti al cambiamento climatico:

Continua a leggere “Recto e verso”

QI, geni e videogiochi

Nei contatti, M.M. mi segnala un paper di Scientific Reports che di suo attribuirebbe volentieri ad “aruspici” ed emuli di Robert Plomin:

Continua a leggere “QI, geni e videogiochi”

Regole d’ingaggio

Sciatori o meno, i Climalteranti sono molto attenti a quello che sta succedendo nella criosfera. Ieri parlavano delle vittime dei seracchi che si sono staccati dal ghiacciaio del Grand Combin, un po’ preoccupati dall’assenza di “regole d’ingaggio” e di “mappe del rischio”.

Continua a leggere “Regole d’ingaggio”

Lacché politici, ben retribuiti

Come dopo ogni strage, mi aspettavo un editoriale di Science sulle “misure di buon senso” per evitare che si ripetano, ma questa volta il direttore Holden Thorp si toglie il guanto di velluto.

O i peli dalla lingua. Denuncia la corruzione e le menzogne dei politici che ne sono responsabili:

  • The common thread in all of the country’s revolting mass shootings is the absurdly easy access to guns. The science is clear: Restrictions work, and it’s likely that even more limitations would save thousands of lives. So why not take the laws much further, as other countries have done? The alternative is painfully obvious—living with more and more senseless carnage, courtesy of the National Rifle Association and their well-funded political lackeys.
Aggiornamenti su Twitter e altri social

Non servirà a niente? Forse, ma ricordare che la “scienza è chiara” aiuta le associazioni di ragazzi sopravvissuti (spesso accusati di essere “attori” e minacciati di morte) e di genitori spaventati che già ieri protestavano nella capitale di molti stati.

Se avete amici in USA, fate passare per favore?

La seconda perché la prima è risultata in leggi utili in Florida per esempio, che il governatore De Santis ha già in parte sostituito con leggi dettate dalla NRA per aumentare le vendite di armi d’assalto e le vittime delle stragi.

E i fondi destinati per conto dei produttori alle campagne elettorali dei politici pro-stragi.

Il supplemento di Science riguarda la “molteplicità dei nostri microbiomi” con tre Perspectives in open access, due delle quali sull’asse “cervello-microbiota“, e tre rassegne solo per abbonati (peccato).

L’acqua “potabile” al piombo, dal 2014 l’unica fornita – a pagamento – agli abitanti di Flint dall’amministrazione repubblicana è un scandalo noto. Nel 2019 ce n’è stato un altro. L’inchiesta “L’acqua mortale di Flint” della trasmissione Frontline rivelava che i filtri distribuiti alla popolazione avevano causato un’epidemia di legionellosi nel 2014-2015. Eppure i filtri erano stati installati quando l’epidemia era già finita.

Su Retraction Watch, raccontano il seguito i ricercatori che l’avevano fatto notare ai colleghi che avevano analizzato i campioni raccolti dai giornalisti, e pubblicato i risultati sull’International Journal of Infectious Diseases.

*

Negli short di Leonid Schneider, c’è un’altra brutta storia. La giudice Gabriela T. Comeca ha condannato l’antropologa peruviana Marcela Poirier a 1 anno e 8 mesi di carcere e a versare $48 mila di risarcimento all’antropologo ed ex ministro Luis Jaime Castillo Butters. Lui l’aveva accusata di diffamazione per averne denunciato le molestie sessuali all’Accademia delle scienze statunitense. L’accademia aveva svolto un’indagine, confermato che le denunce erano veritiere ed espulso Castillo Butters. Così aveva fatto anche l’università cattolica pontificia del Perù in seguito ad altre denunce, ma senza sanzionarlo.

A proposito di celebrità italiane, Leonid aggiorna i fan sul processo in Svezia contro il chirurgo Paolo Macchiarini (vedi anche il post precedente sui suoi collaboratori Walles & Walles) e sull’aumento esponenziale dei paper con grafici e immagini riciclate e dai conflitti d’interesse non dichiarati, prodotti tra il 1994 e il 2021 da Francesco Squadrito, un professore di farmacologia all’università di Messina, e famiglia.

Faccio anch’io i complimenti al prof. Vincenzo Loia per aver pubblicato nel supplemento della rivista da lui fondata e diretta ben 51 junk papers senza nemmeno leggerne i titoli. A differenza di Smut Clyde…

Sul Foglio, Enrico Bucci spiega perché certe malattie infettive sono in aumento e smentisce così le tesi di un consulente per l’economia e l’energia che mi querela per aver osato ritenerle infondate. A buon rendere, Enrico.

.

Gli aruspici

“Il ritorno della frenologia alla grande! Roba da far rivoltare nella tomba Stephen Jay Gould,” dice un amico a proposito di Hyeokmoon Kweon et al.,

Continua a leggere “Gli aruspici”